Hotel Indigo Verona - Grand Hotel Des Arts
Più opzioni
Prenota
  • Miglior Tariffa Garantita

Cosa mangiare a Verona: i piatti tipici della tradizione

Cosa mangiare a Verona: i piatti tipici della tradizione

Dicembre 2022

Come ci piace spesso sottolineare, pensiamo che la conoscenza della cucina locale faccia parte, a tutti gli effetti, di ogni viaggio. Verona non fa di certo eccezione, vantando una tradizione culinaria ricca e gustosa, composta da piatti che si tramandano da secoli, da una generazione all’altra.

Cosa mangiare a Verona? Nell’articolo di oggi vi accompagniamo in un viaggio gastronomico tra i piatti e sapori più apprezzati della tradizione.

Risotto all’amarone

L’Amarone, pregiato vino rosso prodotto in Valpolicella, è il protagonista di questo primo piatto, tra i più apprezzati della cucina nostrana.

Parliamo di una preparazione che esalta ben due eccellenze del territorio. Anche la varietà di riso utilizzata, il Vialone Nano, viene coltivata nel veronese – più precisamente nelle zone meridionali – e vanta il marchio IGP.

Si tratta di una ricetta abbastanza semplice da replicare anche a casa. Un primo piatto gustoso che di certo stupirà i vostri ospiti.

Gnocchi di patate

Se vi state chiedendo cosa mangiare a Verona, gli gnocchi di patate sono da sempre un’ottima scelta: una pietanza all’apparenza semplice che diventa una prelibatezza grazie ai tanti abbinamenti possibili con sughi e gustosi condimenti.

Gli gnocchi hanno un’origine antichissima, legata al Carnevale. Si narra infatti che nel 1531 il popolo fosse vittima di una grave carestia e che il medico Tommaso de Vico fece distribuire grandi quantità di pane, vino, farina, burro e formaggio nell’ultimo venerdì prima della quaresima.

All’epoca della loro invenzione gli gnocchi non contenevano patate, perché il continente americano non era ancora stato scoperto.

Lesso con la pearà

Si tratta di uno dei piatti tipici veronesi dall’origine più antica: leggenda narra che venne ideato per far recuperare le forze alla regina longobarda Rosmunda, rimasta a digiuno dopo la morte del padre.

Si tratta di un bollito di carne di manzo e verdure servito con una speciale salsa (la pearà) a base di pane grattugiato con pepe, formaggio e brodo.

Il lesso con pearà è una vera istituzione e durante l’anno non mancano sagre ed eventi tematici in varie zone della provincia.

Pastissada de Caval

La Pastissada de caval è uno stracotto a base di carne di cavallo, vino rosso e cipolle. Tradizionalmente era un piatto preparato in occasione di feste e grandi occasioni, ma oggi è possibile gustarlo in molti ristoranti e trattorie.

L’abbinamento che vi consigliamo è forse scontato, ma per noi imprescindibile: la famosa polenta!

Tortellini di Valeggio

Come abbiamo raccontato nell’articolo dedicato a 3 esperienze da fare a Verona e dintorni in autunno, i tortellini di Valeggio sono un grande orgoglio culinario per la zona della provincia di Verona al confine con Mantova.

Una sfoglia sottilissima che lascia intravedere il ricco ripieno di carne, formaggio, noce moscata e rosmarino rende il tortellino di Valeggio un classico intramontabile e sempre apprezzato.

Pandoro

Terminiamo la nostra selezione di specialità veronesi con una buona dose di dolcezza. Il Pan de Oro è uno dei dolci natalizi più venduti in Italia e deve la sua fama, oltre che alla indiscutibile bontà, al suo inventore Domenico Melegatti.

Il pandoro ci tiene compagnia durante tutte le feste natalizie ed il nostro abbinamento preferito è quello classico, con una soffice crema al mascarpone.

(Visited 15 times, 1 visits today)

Hotel Indigo Verona - Grand Hotel Des Arts

View also